CONTRO LA REAZIONE E IL NEOFASCISMO,

CON LO SPIRITO RIVOLUZIONARIO DEL 25 APRILE 1945!

 

Operai! Lavoratori! Compagne e compagni comunisti!

Il 25 aprile di sessantatrè anni fa, con l'ingresso delle gloriose formazioni partigiane nelle grandi città del Norditalia si concludeva vittoriosamente la Guerra di liberazione contro il nazifascismo.

La guerra partigiana fu lotta per l'indipendenza nazionale contro il tedesco invasore, fu lotta per la riconquista delle libertà democratiche distrutte da un ventennio di dittatura fascista, ma - non dimentichiamolo! - per la parte più avanzata delle forze della Resistenza fu anche lotta politica e sociale contro quei gruppi del grande capitale che avevano dato vita al fascismo e portato l'Italia alla rovina. Seppur tradita nelle sue aspirazioni più avanzate, la guerra di liberazione è stata l'esperienza storica più importante che il proletariato e le masse popolari italiane hanno compiuto nella lotta per prendere il potere nelle proprie mani, liberarsi dal capitalismo e avviare la trasformazione socialista del nostro paese.

Nella Resistenza, la classe operaia ebbe un ruolo determinante con le migliaia di agitazioni e di scioperi che avevano alla loro testa i comunisti. E alla battaglia dei reparti partigiani che operavano sulle montagne si univa, nelle città, quella dei GAP, formati - nella loro stragrande maggioranza - da comunisti.

E  oggi?

Oggi, nel clima di dilagante revisionismo storico (di cui sono colpevoli anche tanti «democratici» bertinottiani e veltroniani), il ritorno al governo della destra reazionaria di Berlusconi e Bossi e del fascista Fini intende continuare la denigrazione della Resistenza e la strisciante riabilitazione del ventennio mussoliniano e minaccia di preparare nuovi attentati alle libertà democratiche e alle conquiste sociali strappate dai lavoratori con decenni di lotte. L'aspirazione al socialismo della parte più avanzata dei combattenti della guerra partigiana dovrà essere portata avanti, oggi, da una nuova generazione proletaria che si ponga con decisione su un terreno rivoluzionario.

Operai, lavoratori, compagne e compagni comunisti!

Riappropriamoci dello spirito combattivo e rivoluzionario del 25 aprile 1945!  Lotta a fondo contro la reazione e il neofascismo!

Per un'Italia socialista, la Resistenza continua!