Comunicato dalla Francia

 

Sarkozy l'americano mette il nostro paese

a rimorchio del guerrafondaio Bush

 

Dopo avere annunciato l'invio di rinforzi militari francesi davanti al parlamento britannico, Sarkozy ha confermato questa decisione davanti ai rappresentanti della NATO, riuniti a Bucarest. Nel frattempo, Fillon è stato incaricato "di informare" il parlamento e di giustificare questo rafforzamento dell'impegno militare francese in Afghanistan con lo scalcinato argomento della solidarietà occidentale nella lotta mondiale contro il terrorismo.

È la porta aperta alla partecipazione piena all’intera «guerra infinita » di Bush.

Nello slancio, Sarkozy ha annunciato la decisione di reintegrare tutte le strutture militari nella NATO, prima della fine dell'anno. Pretende di avere ottenuto, come contropartita, l'accordo dei dirigenti nordamericani e britannici allo sviluppo di una "difesa europea". Ma non è altro che quanto previsto dal trattato europeo di Lisbona il quale dice che "gli impegni e la cooperazione in questo campo rimangono conformi agli impegni sottoscritti in seno all'organizzazione del trattato dell'atlantico del Nord che resta, per gli Stati che ne sono membri, il fondamento della loro difesa collettiva e l'istanza della sua messa in opera". Si tratta dunque dell’aspetto europeo, complementare della NATO. Quale contropartita può rappresentare allora ?

La guerra condotta in Afghanistan dal 2001 è nel pantano. È una guerra di occupazione che suscita una resistenza sempre più forte del popolo afgano che non ha mai accettato di essere asservito. La Russia si ruppe i denti; anche le truppe occidentali si romperanno i denti. Ma Sarkozy non ha capito niente e non si trattiene. Ciò che vuole è partecipare alla politica di guerra di Bush. Ma questo il nostro popolo non lo vuole!

Occorre che si allarghi l'opposizione all'invio di soldati in Afghanistan.

Bisogna esigere il ritiro immediato delle truppe francesi.

 

Parigi, 3 aprile 2008

 

PARTITO COMUNISTA DEGLI OPERAI DI FRANCIA

www.pcof.net 

pcof@pcof.net